L'osteopatia pediatrica si affianca alla medicina tradizionale nel sostenere la salute del bambino nel delicato rapporto tra struttura e funzione .

Tutte le funzioni del nostro corpo sono esplicate da organi ( digerente , respiratorio, organi emuntori ) che sono contenuti nella struttura del nostro corpo ( il tessuto connettivo ....apparato muscolo - scheletrico in primis ) e con essa ne sono in strettissima relazione ( per innervazione e continuità fasciale ).

Ogni tensione e alterazione della struttura del bambino , si riflette sull ' equilibrio delle sue funzioni principali , quali suzione e digestione ( rigurgiti frequenti e importanti , stipsi, coliche , problematiche orl ) .

La posizione intrauterina e la dinamica del parto sono le cause principali di alterazioni nella forma e nella struttura del neonato ... in quale modo ?

 

Nella vita intrauterina il feto può subire compressioni a causa della presenza di fibromi o nella gestione dello spazio in caso di gravidanze plurime .

 

Durante il parto , il neonato può subire compressioni nel passaggio del canale del parto attraverso il contatto con le ossa pubiche della mamma e subire tensioni cranio - sacrali , riportare tensioni per una fase di espulsione con particolari difficoltà ( arto superiore, spalla e clavicola impegnate , presentazione al parto non ottimale , fase espulsiva troppo veloce o esageratamente lunga ) .

 

Come riconoscere alterazioni strutturali nel neonato ? 

 

L'alterazione della struttura cranica ( plagiocefalia posizionale ) è una delle conseguenze più frequenti , una parte del cranio posteriormente ( occipite ) risulterà più schiacciata e il bimbo di conseguenza troverà più facile ruotare il capo da un lato piuttosto che dall'altro . Tale alterazione se non trattata osteopaticamente potrà portare alterazioni sulla struttura ( torcicollo miogeno, scoliosi idiopatiche , disequilibri nell'apparato masticatorio ) e nella funzione ( visiva, attraverso tensioni della muscolatura oculare, deglutitoria , nella suzione e nella digestione e orl ) .Tensioni a livello sacrale potranno portare situazioni di fatica nella dinamica intestinale , quali stipsi .

 

Qual è la funzione dell'osteopata ?

 

Aiutare a sostenere la salute del neonato attraverso un tocco delicato, diretto a dissipare le tensioni tissutali della struttura  , ricercando un nuovo e più funzionale equilibrio .

L'osteopatia può supportare il neonato fin dalle prime settimane di vita in casi quali :

 

- alterazione della forma del cranio ( plagiocefalia posizionale )

- torcicollo

- difficoltà nella suzione ( il neonato trova difficoltà nell'attacarsi al seno o non è efficace nella suzione )

- rigurgiti

- stipsi

- coliche gassose

- alterazioni funzionali orl ( otiti , riniti ricorrenti )

- alterazioni funzionali oculari ( lacrimazione )

 

L'osteopatia offre un valido aiuto al neonato anche nel trattamento post operatorio per ricreare una migliore mobilità tissutale .